Archivio

Archive for the ‘Notizie’ Category

Ne bis in idem – archiviazione di un procedimento penale

Un indagato può essere nuovamente sottoposto a indagini in uno Stato Schengen qualora la precedente attività investigativa, avviata in altro Paese, sia terminata senza un´istruzione approfondita.

Questo il principio enunciato dalla Corte di Giustizia dell´Unione europea, causa C-486/14, interrogata da un Tribunale nazionale circa l´effettiva portata del principio del ne bis in idem in riferimento all´archiviazione di un procedimento penale.

Fonte: aodv231.it/

Il D.Lgs. 231/01 nel nuovo Codice degli Appalti

Il nuovo Codice degli appalti e delle concessioni di cui al D.Lgs. n. 50 del 18 aprile 2016 è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il 19 aprile ed è entrato in vigore nella medesima data.
L’articolo 93 del nuovo Codice, in tema di garanzie per la partecipazione alle procedure di gare pubbliche, stabilisce che nei contratti di lavori, servizi e forniture, l’importo della garanzia e del suo eventuale rinnovo è ridotto del 30% per gli operatori economici in possesso di una certificazione del Sistema di gestione a tutela della Sicurezza e Salute dei Lavoratori e/o dell’ attestazione del Modello Organizzativo Gestionale, ai sensi del Decreto Legislativo n. 231/2001.

I rischi patrimoniali da reato per le società e per il management

Interdizione, sequestro e confisca tra tecniche d’accusa e strategie difensive

Negli ultimi dieci anni il diritto penale economico e dei reati contro la Pubblica Amministrazione si è lentamente trasformato da strumento di privazione della libertà personale per gli autori dell’illecito a strumento finalizzato ad incidere in principalità sul patrimonio, sia delle persone fisiche, sia delle società.

La confisca “di valore”, istituto in continua evoluzione e crescita, consente di perseguire il nuovo target del diritto penale rappresentato dal patrimonio: non richiedendo l’esatta individuazione del bene che sia stato prezzo, profitto o prodotto del reato e superando il vincolo di pertinenzialità, colpisce direttamente il patrimonio del responsabile del reato in via definitiva attraverso una misura ablatoria che ha effetti dirompenti già nella fase delle indagini preliminari grazie all’anticipazione rappresentata dal sequestro preventivo finalizzato, appunto, alla confisca per equivalente.

La pressoché totale pervasività della confisca per equivalente nel sistema del diritto penale economico e, in particolare, della responsabilità da reato degli enti, induce sempre più le società ad attivarsi per cercare di prevenire il verificarsi di fatti di reato e richiede, altresì, di ricalibrare e riparametrare il rapporto nonché l’interlocuzione con la Procura della Repubblica.

Nell’ottica della prevenzione delle conseguenze patrimoniali è essenziale, in particolare, l’adozione di un idoneo modello di organizzazione e gestione ex d.lgs. 231/2001, strumento che non fornisce la certezza di poter evitare la commissione dei reati presupposto, ma che può schermare il rischio di verificazione e, soprattutto, può esonerare l’ente dalla sua tipica responsabilità per agevolazione colposa dell’illecito commesso dalla persona fisica. L’idoneità del modello non può essere valutata in relazione alla intrinseca capacità di impedire tout court il reato, ma deve essere apprezzata in virtù della sua adeguatezza a rendere effettiva ed efficace l’organizzazione stessa dell’impresa, senza che si debba considerare la realizzazione del reato come la smentita ex post della idoneità del modello stesso.

Valutazione dell’idoneità che, come è noto, sul piano processuale è affetta da uno squilibrio dell’onere probatorio: se il reato viene commesso da soggetto in posizione apicale, infatti, ex art. 6 d.lgs. 231/2001, è probabile che il modello sia ritenuto ipso facto inidoneo e che sia l’ente a dover dimostrare che non vi sia stata colpa di organizzazione e che il reato sia il frutto di un aggiramento fraudolento delle cautele organizzative; se il reato, invece, è commesso da un soggetto in posizione subordinata, ex art. 7 d.lgs. 231/2001, sarà la Pubblica Accusa a dover dimostrare l’inefficienza e l’inidoneità del modello.

Occorre dare una prospettiva nuova e diversa al d.lgs. 231/01: affinché l’impresa prenda atto che il modello organizzativo è esso stesso parte integrante della organizzazione aziendale, e quindi imprescindibile per la produttività dell’ente, è necessario che l’ente identifichi il reato come un costo. In altri termini, è essenziale per l’impresa prendere coscienza che il verificarsi di un reato ed il relativo conseguente costo si può riverberare sia sul patrimonio delle persone fisiche, sia sul patrimonio e sull’attività stessa dell’ente. Il reato, nella visione dell’imprenditore, deve essere qualificato come un avvenimento che, se si verifica, incide in maniera negativa sull’efficacia economica della produttività e non come un “facilitatore” di determinati traguardi o un risparmio sui costi.

Ecco, quindi, un primo approccio a cui l’ente non può oggi rinunciare per implementare l’efficienza del sistema e la stessa produttività: solo le aziende dotate di un modello che preveda l’applicazione di sanzioni per i dipendenti e gli apicali che non rispettano le procedure ivi indicate e che sia in grado di organizzare e controllare l’attività aziendale avrà, in caso di commissione di un reato presupposto e dell’avvio delle conseguenti indagini penali, precostituito i presupposti per poter abbattere il rischio stesso di iscrizione nell’apposito registro da responsabilità ex d.lgs. 231/2001 dell’ente medesimo.

Un secondo aspetto fondamentale per poter meglio tutelare l’ente e le persone fisiche in fase di indagini preliminari attiene all’esigenza di una sempre più pronta e dinamica interlocuzione e collaborazione con gli inquirenti, essendo per l’ente fondamentale precisare sin da subito, ove possibile, gli elementi a discolpa, cioè quegli elementi che possano indurre la Procura della Repubblica a ritenere che la società abbia fatto tutto ciò che era possibile fare per prevenire la commissione di quello specifico reato.

L’efficacia di questo approccio difensivo è avvalorata da talune considerazioni.

Nel nostro ordinamento l’iscrizione della società nel “registro degli indagati” ex d.lgs. 231/2001 è rimessa alla mera discrezione del Pubblico Ministero assegnatario del fascicolo relativo al reato presupposto e la posizione dell’ente può essere archiviata direttamente dalla Procura della Repubblica, senza che sia necessario un decreto di archiviazione del Giudice per le Indagini Preliminari.

Un dialogo e un confronto nella fase genetica dell’avvio delle indagini può in qualche modo mitigare il rischio di iniziative cautelari verso l’impresa, specialmente nei casi in cui la difesa possa proporre da subito la bontà e la serietà del sistema preventivo 231.

Vi sono, poi, le ipotesi limite in cui non è possibile per l’azienda dimostrare immediatamente di avere un modello efficace ed idoneo ad escludere una colpa di organizzazione. In questa eventualità è ancora più utile e necessario valutare un ulteriore approccio difensivo esperibile fin dall’avvio  delle indagini preliminari: proprio la discrezionalità delle Procure della Repubblica nell’esercizio dell’azione penale amministrativa nei confronti dell’ente potrebbe, in talune ipotesi, lasciare spazio per intraprendere fin da subito le condotte (riparatorie) previste dall’articolo 17 d.lgs. 231/2001. Si tratta del risarcimento integrale del danno o, comunque, della eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato e, ove ciò non sia possibile, l’adoperarsi efficacemente in tal senso. La seconda condotta è quella di eliminare le carenze organizzative che hanno determinato il reato mediante l’adozione e l’attuazione dei modelli organizzativi idonei a prevenire i reati della specie di quello che si è verificato: i cc.dd. modelli ex post. Terza azione: l’ente può mettere a disposizione il profitto conseguito ai fini della confisca, così da evidenziare che non vuole trarre alcun vantaggio dalla commissione del reato, non ne vuole conseguire alcun profitto.

Le condotte riparatorie ex art. 17 d.lgs. 231/2001 servono non solo per scongiurare l’applicazione delle sanzioni interdittive e, quindi, per ridurre ed attenuare l’eventuale risposta sanzionatoria dell’ordinamento penale, ma anche per consentire all’ente di manifestare la propria resipiscenza prima ancora che si concludano le indagini e così scongiurare, addirittura, l’esercizio dell’azione penale amministrativa qualora il Pubblico Ministero ritenesse tali condotte idonee e correttamente tenute. Il che comporta non secondari vantaggi, posto che, una volta contestata l’imputazione all’ente, vi può essere solo una riduzione della risposta sanzionatoria, ma non si può  escludere l’accertamento di responsabilità e la relativa condanna dell’ente, con la conseguente iscrizione nell’anagrafe dei soggetti giuridici che abbiano avuto precedenti condanne per gli illeciti penali amministrativi e, soprattutto, alla fine della vicenda processuale, la confisca, anche per equivalente, del profitto, in quanto nel sistema del d.lgs. 231/2001 la confisca è a tutti gli effetti una sanzione patrimoniale che segue alla condanna (art. 9 d.lgs. 231/2001).

Nell’ambito della responsabilità ex d.lgs. 231/2001 è particolarmente importante, quindi, per l’ente, non effettuare una resistenza passiva, ma farsi parte diligente e interloquire con la Procura della Repubblica fin da quando si viene a conoscenza della pendenza del procedimento, così potendo già in questa fase scongiurare sequestri e sanzioni interdittive in via cautelare o, nel caso di sequestri preventivi già in atto, limitare il valore dei beni sequestrati, tentando di ottenere il dissequestro o la restituzione, almeno parziale: ex art. 321, co. 2, c.p.p., infatti, nella fase delle indagini preliminari tali scelte sono assunte direttamente in autonomia dal Pubblico Ministero, mentre nelle fasi successive sarà sempre e comunque necessario il vaglio del Giudice e, lo si ribadisce, la confisca per equivalente, essendo una sanzione ex art. 9 d.lgs. 231/2001, viene applicata dal Giudice in sentenza su tutto il patrimonio sequestrato, senza alcuna chance di negoziazione.

Altro aspetto che suggerisce di intraprendere un approccio difensivo immediato e consapevole dell’ente fin dall’inizio delle indagini penali è legato al quantum confiscabile e all’interpretazione giurisprudenziale della nozione di profitto da reato. Se, infatti, ad essere confiscato è il profitto lordo, la società viene punita fondamentalmente due volte: alla confisca del profitto che ha ricavato dal reato, ad esempio il valore complessivo dell’appalto che ha ottenuto grazie al pagamento di tangenti, si aggiungono i costi relativi agli investimenti che l’ente ha affrontato, ad esempio i costi che ho sostenuto per costruire l’opera oggetto del contratto di appalto ottenuto con la corruzione. E questo significa che un intervento repressivo attuato in fase processuale potrebbe spingersi più facilmente verso una confisca allargata al profitto lordo, mentre in sede di accordo preliminare con la Procura della Repubblica ci si potrebbe anche trovare più vicini ad un concetto di profitto netto, così da ridurre il quantum, sottraendo al profitto del reato i relativi costi che l’ente abbia effettivamente sostenuto.

In conclusione il sistema sanzionatorio e repressivo del diritto penale economico prevede oggi conseguenze draconiane per l’ente condannato, che rischia l’interdizione, sanzioni pecuniarie, confisca, pubblicazione della sentenza; tutti eventi che possono essere scongiurati se, vista la libertà dell’esercizio dell’azione penale amministrativa e la (auspicabile) disponibilità che le Procure della Repubblica potrebbero dimostrare con l’ente che abbia già idonei modelli preventivi o che se ne doti ex post, ci si attivi al più presto nella difesa e nella sua organizzazione.

Anche in tema di reati ambientali, specie per i nuovi delitti introdotti nel codice penale con la legge n. 68/2015, sono previste condotte riparatorie: si pensi alla possibilità del ripristino dello stato dei luoghi come condotta che, se operata prima della dichiarazione di apertura del dibattimento, consente una cospicua diminuzione di pena ex art. 452 decies c.p. Da un lato, quindi, il legislatore incentiva il ravvedimento operoso, dall’altro impone la confisca, anche qui, delle cose che costituiscono il prodotto o il profitto del reato, anche per equivalente, ex art. 452 undecies c.p. e impone, ex art. 197 c.p., alla società amministrata e rappresentata dall’imputato, il ripristino dello stato dei luoghi, con relativo costo a carico dell’ente. Visto che, peraltro, questi reati sono presupposto della responsabilità ex d.lgs. 231/2001, ben potrebbe l’ente ritrovarsi nel procedimento sia imputato in via amministrativa, sia citato quale responsabile civile ex art. 197 c.p.

Per i reati tributari, poi, è prevista (art. 12 bis d.lgs. 74/2000) la confisca, anche per equivalente, del profitto o prodotto del reato, consistente, per giurisprudenza ormai costante, nel risparmio di imposta ed anche in questo settore del diritto penale sono incentivate le condotte di collaborazione: la riforma introdotta con il d.lgs. 158/2015 consente al contribuente imputato di impegnarsi a pagare il debito con l’Erario e di ottenere così sconti di pena o la possibilità di accedere al patteggiamento. Tuttavia, laddove la Procura della Repubblica intervenga con un sequestro preventivo finalizzato alla confisca vi è spesso, nella prassi, il blocco totale dei conti correnti finalizzato alla confisca e la conseguente impossibilità del contribuente di versare il dovuto all’Erario per l’estinzione del debito tributario.

Ad oggi, peraltro, è previsto che, ex art. 12 bis, co. 2, d.lgs. 74/2000, la confisca non possa operare per quella parte che il contribuente si impegni a versare all’Erario, ipotesi che ricorre quando vi sia un formale accordo con l’Agenzia delle Entrate (piano di ammortamento rateale, adesione all’accertamento). A tal fine, sembrerebbe possibile ottenere, in fase di indagine, sempre in sede di interlocuzione con la Procura della Repubblica, un dissequestro parziale ex art. 85 disp. att. c.p.p. con prescrizione dell’Autorità giudiziaria ad utilizzare le somme per l’estinzione del debito fiscale, sotto vincolo di destinazione.

Il problema della confisca nei reati tributari, peraltro, non attiene ai beni delle sole persone fisiche:  con la ben nota sentenza “Gubert” (Cass. Pen., Sez. Un., 30 maggio 2014, n. 10561) la giurisprudenza ha ritenuto che nelle ipotesi di illeciti penali tributari, che non sono allo stato presupposto per la responsabilità ex d.lgs. 231/2001, sia legittima una forma “nuova” di  confisca diretta del denaro anche in assenza del requisito della disponibilità del bene in capo al soggetto che la subisca e, quindi, la confisca per equivalente e il relativo sequestro preventivo dei beni e conti correnti della società a cui appartiene (o apparteneva) il legale rappresentante imputato. L’approccio difensivo, quindi, dovrà essere considerato e valutato anche dall’ente i cui beni ben possono essere attinti dal sequestro preventivo finalizzato a tale peculiare ipotesi “mista” di confisca.

Fonte: TopLegal.it

Veneto – Obbligo modello 231 per l’accreditamento in Regione

Con la Delibera Regionale 2120 del 30 dicembre 2015 è cambiato il meccanismo di accreditamento degli Organismi di Formazione. Tra le diverse novità, l’obbligo di adozione del Modello Organizzativo ex D.Lgs 231/01 entro il 31 dicembre 2016.

La Delibera della Giunta regionale n. 2120 del 30 dicembre 2015 ha aggiornato il modello di accreditamento inserendo nuovi requisiti (consultabili nell’ Allegato A alla delibera) tra cui l’obbligo di adozione del Modello Organizzativo 231 per gli Organismi di Formazione già accreditati o che debbano accreditarsi.

**************** KIT CONSULENTE 231 ***********
Tutti gli strumenti per realizzare i modelli 231
*****************************************************

Le nuove linee guida per il procedimento di accreditamento e di mantenimento degli Organismi di Formazione sono contenute nell’Allegato B della Delibera della Giunta regionale n. 2120 del 30 dicembre 2015.

Scarica da Alert 231:
_ Delibera n. 2120 del 30/12/2015
_ Allegato A
_ Allegato B

Ministero Giustizia e MEF istituiscono Commissione per contrasto criminalità economica

Il Ministro della Giustizia Andrea Orlando e il Ministro dell’Economia e delle finanze Pier Carlo Padoan hanno costituito, presso gli uffici di Gabinetto dei rispettivi Dicasteri, una Commissione di studio per la modifica del decreto legislativo recante la “Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica”.
L’obiettivo è quello di effettuare una ricognizione, a quindici anni dall’entrata in vigore del predetto decreto legislativo, per contrastare e prevenire la criminalità economica, considerata importante elemento di distorsione dei mercati e di freno della crescita.
La Commissione, pertanto, ha il compito di formulare proposte di modifica normativa e, più in generale, di rilanciare le politiche di prevenzione.

*************** KIT CONSULENTE 231 ********
Tutti gli strumenti per realizzare la consulenza
in ambito D.lgs 231/01 – modelli 231 e formazione
*************************************************
Il gruppo di lavoro, coordinato da Giovanni Melillo e Roberto Garofoli, capi di Gabinetto rispettivamente del Ministero della Giustizia e del Ministero dell’Economia e delle finanze, è così composta:

  • Margherita Bianchini, vice direttore generale di Assonime;
  • Francesco Centonze, ordinario di diritto penale dell’Università Cattolica di Milano;
  • Massimo Ceresa Gastaldo, ordinario di diritto processuale penale dell’Università Bocconi di Milano;
  • Tommaso Epidendio, magistrato con funzioni di assistente di studio della Corte Costituzionale;
  • Giorgio Fidelbo, consigliere della Corte di Cassazione;
  • Enrico Laghi, ordinario di economia aziendale dell’Università La Sapienza di Roma;
  • Antonio Matonti, responsabile affari legislativi di Confindustria;
  • Paolo Montalenti, ordinario di diritto commerciale dell’Università di Torino;
  • Luigi Orsi, sostituto procuratore generale presso la Corte di Cassazione;
  • Carlo Piergallini, ordinario di diritto penale dell’Università di Macerata.

Fonte: Giustizia.it

Novità D.lgs 231/01 dell’8/2/2016

Le ultime novità sul D.lgs 231/01 disponibili agli abbonati al servizio
1) Modello 231 di casa di cura
2) Sentenza Cassazione sulla responsabilità ente per morte di un lavoratore
3) Asservazione e modelli organizzativi – documento in pdf
4) Sentenza Cassazione sull’obbligo del datore di lavoro di adottare le misure di prevenzione più efficaci.

Puoi accedere al servizio Alert 231 dal seguente link

Nuovo dizionario Assonime sulla disciplina 231/2001

Assonime ha pubblicato il nuovo Dizionario 231 che illustra per voci la disciplina della responsabilità da reato degli enti del decreto legislativo n. 231/2001 attraverso la giurisprudenza.

Le voci di questo Dizionario rappresentano i temi di maggiore rilievo pratico, toccando diversi profili di interesse, tra cui ad esempio: come vengano individuati gli autori dell’illecito; cosa si intenda per fraudolenta elusione del modello organizzativo; chi sia e come operi l’organismo di vigilanza; quale sia la nozione di profitto del reato ai fini della confisca; quali siano le regole della prescrizione applicabili; quali i presupposti per le misure cautelari o le caratteristiche dei modelli organizzativi.

Accedi al documento da Alert 231
Non sei abbonato? Clicca qui

Giustizia: nei #Modelli231 tutele per chi denuncia fatti di corruzione

Doppio binario sulle segnalazioni anticorruzione tra pubblico e privato. Con l’inserimento, su quest’ultimo fronte, nei Modelli 231 di un inedito contenuto specifico.

Il disegno di legge prevede che il dipendente pubblico non può essere sanzionato in alcun modo (licenziamento compreso come ovvio) né discriminato per avere denunciato condotte illecite di cui è venuto a conoscenza per il proprio rapporto di lavoro.

È in buona fede il dipendente pubblico che effettua una segnalazione circostanziata …..(continua per gli abbonati al servizio Alert 231)

Accedi al documento da Alert 231
Se sei abbonato ad Alert 231 accedi dal seguente link

 

Legge 4-2013 e figure professionali del D.Lgs.231/01 nei SPL

La legge 14 gennaio 2013, n. 4 “Disposizioni in materia di professioni non organizzate” ha rivoluzionato il mondo delle professioni non organizzate in ordini o collegi.
Trattasi della stragrande maggioranza delle professioni che fino ad oggi non avevano trovato un preciso inquadramento normativo.
Questo anche con riferimento a profili professionali di elevata specializzazione quali ad esempio RSPP, Project Manager, consulenti e componenti Organismi di Vigilanza ai sensi del D.Lgs. 231/01, Esperti Gestione Energia, etc.

La Legge 4/2013 risulta ancora, di fatto, assai poco nota anche tra gli “addetti ai lavori” sebbene definisca specifici requisiti e obblighi facenti capo sia al singolo professionista sia al committente. Un primo adempimento in carico al professionista riguarda la trasparenza: questi è tenuto ad apporre, in ogni documento e rapporto scritto con il cliente, che trattasi di professionista disciplinato  ai sensi della legge sopraccitata. L’inadempimento rientra tra le  pratiche commerciali scorrette tra professionisti e consumatori, di cui al titolo III della parte II del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6  settembre  2005, n. 206, ed è sanzionato ai sensi del medesimo codice.

Il punto focale della Legge 4/2013 riguarda l’esigenza di poter dimostrare, da parte del professionista, di possedere le competenze professionali per lo svolgimento dell’attività in oggetto. Questo è possibile, in estrema sintesi, solo con una delle seguenti modalità. Associandosi an un’associazione professionale che rientra nel registro tenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico presso il proprio sito internet. Tali associazioni professionali provvedono quindi all’attestazione degli standard qualitativi e di qualificazione professionale che gli iscritti sono tenuti a rispettare nell’esercizio dell’attivita’ professionale ai fini del mantenimento dell’iscrizione all’associazione. Richiedendo ad organismi di certificazione delle competenze professionali accreditati da Accredia lacertificazione delle competenze professionali a fronte di un standard di riferimento.

In funzione di quanto sopra sinteticamente esposto, la Legge 4/2013 ha notevole impatto nel  mondo delle aziende dei servizi pubblici, e più in generale per gli enti pubblici economici, per le delicate implicazioni in materia di affidamenti di incarichi professionali a figure professionali che non rientrano nell’ambito delle figure “ordinistiche”, anche qualora tali figure siano ricoperte da soggetti iscritti ad ordini. Si pensi ad esempio al caso di ingegneri o geometri che ricoprono il ruolo di RSPP o di avvocati che ricoprono il ruolo di componenti OdV D.Lgs. 231/01.

Fonte

 

Regione Lombardia approva le linee guida semplificazione obblighi compliance

Sono state approvate le “Linee guida per la semplificazione degli obblighi di compliance per gli enti accreditati ai servizi di istruzione e formazione professionale e accreditati ai servizi al lavoro”.

Costituiscono uno strumento di accompagnamento alle attività degli Enti accreditati e degli Organismi di Vigilanza (ODV).

L’innovazione consiste:

– nell’introduzione anche per gli enti pubblici territoriali e non economici del requisito obbligatorio ai fini dell’accreditamento dell’adeguamento al modello di compliance ex l. 190/2012 “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”, nonché l’obbligo del debito informativo;

– nella semplificazione e razionalizzazione degli adempimenti connessi al flusso delle informazioni richieste da Regione Lombardia.

Le linee Guida riportano gli adempimenti da attuare in via semplificata da parte degli enti ,ponendo una sostanziale differenziazione tra gli enti soggetti alla compliance D.Lgs 213/01 rispetto agli enti soggetti alla compliance L. 190/2012 e quindi all’adozione del Piano di Prevenzione alla Corruzione previsto dall’ANAC (novità).
Per ciò che attiene agli adempimenti/debiti informativi, ogni ente è tenuto a:
• aggiornare la piattaforma regionale secondo i tempi e le modalità ivi stabilite e limitatamente alle informazioni essenziali richieste;
• aggiornamento/caricamento nella piattaforma regionale della documentazione e delle informazioni relative alla compliance richiesta (semplificazione – novità);
• compilare il questionario di self risk assessment;
• partecipare ai momenti formativi e informativi promossi dalla Direzione competente;
• comunicare tempestivamente le variazioni della natura giuridica dell’ente, le operazioni straordinarie, e ogni altro atto o fatto che possa interferire direttamente e indirettamente con la compliance;

Ruolo dell’OdV :

Destinatari delle Linee Guida oltre agli enti sono gli Organismi di Vigilanza nominati nell’ambito della compliance al D.Lgs.231/01. I compiti dell’OdV specificati dalle Linee guida, oltre a quelli già previsti dalla normativa, sono:
• redigere il Piano delle Attività su base annuale;
• redigere la Relazione finale su base annuale;
• partecipare ai momenti formativi e informativi promossi da R.L.;
• identificare una procedura per la gestione dei flussi informativi all’OdV (novità).

Sintesi – novità
Con l’approvazione delle nuove Linee Guida :
• si differenziano gli adempimenti in relazione alle normative applicabili agli enti (L.190/D.Lgs. 231/01);
• si semplificano gli adempimenti in termini di debito informativo (non sembra necessario caricare ad esempio i verbali dell’OdV in piattaforma regionale);
• si rafforza il ruolo dell’OdV per cui è richiesta una procedura di gestione dei flussi informativi.

(fonte: Cristina Ruffoni)

Puoi accedere ai documenti abbonandoti al servizio Alert 231