Archivio

Archivio dell'autore

Bando ISI INAIL 2020: 65% a fondo perduto per adozione modelli organizzativi 231, certificazione SA8000 e ISO45001 – Asse di finanziamento 1 (sub Assi 1.1 e 1.2)

BANDO ISI INAIL 2020 l’ INAIL ha stanziato più di 200 milioni di Euro alle imprese che investono in sicurezza sui luoghi di lavoro. I fondi verranno ripartiti su base regionale e saranno poi assegnati secondo l’ordine delle ricezioni delle domande.

https://edirama.org/prodotto/software-autovalutazione-modelli-231/

L’obiettivo è incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, nonché incentivare le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, migliorare il rendimento e la sostenibilità globali e, in concomitanza, conseguire la riduzione del livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.

Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto ricomprese in 4 Assi di finanziamento:

  • Progetti di investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi 231/01 , certificazione etica di responsabilità sociale SA8000:2014 e certificazione per la Salute e Sicurezza dei Lavoratori ISO45001 – Asse di finanziamento 1 (sub Assi 1.1 e 1.2)
  • Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) – Asse di finanziamento 2
  • Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto – Asse di finanziamento 3
  • Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività – Asse di finanziamento 4
  • Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) – Asse di finanziamento 2
  • Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto – Asse di finanziamento 3
  • Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività – Asse di finanziamento 4

Come fare domanda per BANDO ISI INAIL 2020

  • La domanda deve essere presentata in modalità telematica ENTRO IL 26 FEBBRAIO 2021 sul sito http://www.inail.it – ACCEDI AI SERVIZI ONLINE – le imprese avranno a disposizione una procedura informatica che consentirà loro, attraverso un percorso guidato, di inserire la domanda di finanziamento con le modalità indicate negli Avvisi regionali. Le date di apertura e chiusura sono di seguito indicate.

  • Fonte: Michele Gallo – https://www.gcerti.it/

Whistleblowing: in arrivo la norma ISO 37002

Lo standard ISO 37002 fornirà le “linee guida per l’attuazione, l’implementazione, la gestione, la valutazione, la manutenzione e il miglioramento di un solido ed efficace sistema di gestione del whistleblowing nell’ambito di un’organizzazione”. Lo standard internazionale non sarà specifico per settore e potrà essere utilizzato in organizzazioni di qualsiasi dimensione, dalle PMI alle multinazionali. Lo standard ISO 37002 si basa sui principi di fiducia, imparzialità e tutela ed è finalizzato a fornire alle organizzazioni direttive su come gestire l’intero ciclo del whistleblowing:

  • identificazione e segnalazione del sospetto di illeciti
  • valutazione del sospetto di illeciti
  • mezzi di gestione del sospetto di illeciti
  • definizione delle segnalazioni di whistleblowing

Il nuovo standard ISO sui sistemi di gestione del whistleblowing fornirà alle organizzazioni direttive pratiche in merito ad una vasta serie di aspetti gestionali del whistleblowing; l’ISO 37002 è uno standard che fornisce linee guida. Non specifica le prescrizioni, ma fornisce direttive sui sistemi di gestione del whistleblowing e sulle prassi consigliate. Le finalità del nuovo standard sono:

  • fornire direttive alle organizzazioni affinché predispongano sistemi di whistleblowing coerenti che creino un contesto protettivo e per segnalare gli illeciti in modo riservato – gestendo in modo idoneo e con rapidità i sospetti;
  • aiutare a costruire la fiducia tra un’organizzazione e i suoi stakeholder, compreso il personale;
  • rispondere ai timori sulle segnalazioni e gestire gli illeciti alla luce del crescente numero di casi denunciati pubblicamente;
  • promuovere la trasparenza e una buona governance. L’intenzione è che lo standard ISO 37002 sia utilizzato come strumento a sé stante. Allo stesso modo, lo standard proposto potrà essere utilizzato insieme ad altri standard, per esempio in materia di governance degli enti, di lotta alla corruzione e di compliance degli altri sistemi di gestione.
  • fornire direttive alle organizzazioni affinché promuovano la cultura della trasparenza, in cui le persone si fidino a denunciare gli illeciti.

Fonte: whistleb.com

Opportunità professionali per consulenti 231

Sono disponibili su http://www.preventivo.info i nuovi avvisi per incarichi pubblici  per  RSPP, DPO, Consulenti 231 e ODV 231, consulenti sistemi di gestione.
Li puoi consultare dal seguente link

L’Esperto Risponde – Come viene modificata l’attività dell’ODV 231 con l’aggiornamento dei modelli 231 ai reati tributari?

L’Esperto Risponde – Come viene modificata l’attività dell’ODV 231 con l’aggiornamento dei modelli 231 ai reati tributari?

Pubblicato su www.alert231.it, la risposta al quesito soprariportato.
L’introduzione della nuova categoria dei reati tributari ai sensi del D. Lgs. n. 231/2001 impone,
all’Organismo di Vigilanza una nuova definizione dei flussi a lui diretti, per verificare se il sistema informativo in essere sia idoneo a “coprire” anche il nuovo rischio reato.
Ciò è oltretutto rilevante perchè i rischi inerenti ai reati tributari possono avere impatto  anche su altri processi già mappati all’interno del modello di organizzazione.

Continua in alert231.it

Nuovo documento: D.lgs 231/01 e Reati tributari

Disponibile nell’area documenti di www.alert231.it un nuovo documento – D.lgs 231/01 e i reati tributari.
Si tratta di un documento di 110 pagine in cui viene approfondita l’applicazione dei reati tributari ai modelli 231, le modalità di definizione di misure di prevenzione e di analisi dei rischi.

Pubblicato il nuovo software Fast Check Covid-19.

Software Fast Check Covid-19 è il software per gestire tutte le attività sanitarie dei lavoratori, connesse al Covid-19

In modo automatico il software permette di calcolare le scadenze periodiche di:
_ visite mediche Covid-19
_ tamponi e test sierologici
_ vaccini
_ quarantene
_ qualsiasi attività sanitaria periodica

Maggiori info
https://edirama.org/prodotto/software-fast-check-covid-19/

Categorie:Software

Quali sono gli aspetti essenziali per verificare se il modello 231 è a “tenuta magistrato”?

Le norme di riferimento che disciplinano il modello organizzativo sono gli artt. 6 e 7 del d. lgs. .n. 231/2001.

In particolare l’art. 6, comma 2,  lett. a, b, c, d, e,  individua  il contenuto minimo inderogabile del modello organizzativo e cioè:

a) individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi reati;

b) prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l’attuazione delle decisioni dell’ente in relazione ai reati da prevenire;

https://edirama.org/prodotto/software-autovalutazione-modelli-231/

c) individuare modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione dei reati;

d) prevedere obblighi di informazione nei confronti dell’organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l’osservanza dei modelli;

e) introdurre un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello.

Per quanto riguarda l’efficace attuazione del modello, l’art 7, comma 4, richiede:

 a) una verifica periodica e l’eventuale modifica dello stesso quando sono scoperte significative violazioni delle prescrizioni ovvero quando intervengono mutamenti nell’organizzazione o nell’attività;

 b) un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello.

Possiamo già trarre alcune conclusioni da queste indicazioni.

Vi sono però altri aspetti documentali e operativi (ad esempio la presenza delle deleghe e delle procedure nel sistema documentale approntato) che devono essere presi in considerazione dalle aziende e dall’Organismo di vigilanza.

In tale contesto il software Autovalutazione Modelli 231 è un utilissimo supporto in grado di evidenziare eventuali aspetti sanzionabili . Puoi accedere alla video demo dal seguente link

Autore: Dr. Matteo Rapparini
CEO Edirama
http://www.consulenza231.org
http://www.edirama.org

Atti Webinar AODV231 Gli effetti dell’entrata in vigore parziale del Codice della crisi d’impresa nonché dei Decreti Cura Italia e Liquidità sulla compliance aziendale di cui al D.Lgs. n. 231/2001 e sul relativo sistema di responsabilità degli Enti ai tempi dell’emergenza Covid-19

Pubblichiamo le slides presentate il 3 dicembre scorso in occasione del Webinar “Gli effetti dell’entrata in vigore parziale del Codice della crisi d’impresa nonché dei Decreti Cura Italia e Liquidità sulla compliance aziendale di cui al D.Lgs. n. 231/2001 e sul relativo sistema di responsabilità degli Enti ai tempi dell’emergenza Covid-19”

Strumenti e limiti della rilevazione tecnica della crisi d’impresa

(Prof.ssa Patrizia Tettamanzi)L’implementazione della compliance 231 per la prudente e responsabile gestione dei rischi di reato allocati nell’erogazione del credito (garantito) a favore delle imprese(Avv. Gino Bottiglioni) – A BREVE DISPONIBILEAdempimenti fiscali e cooperative tax compliance per la neutralizzazione dei reati presupposto di cui all’art. 25-quinquiesdecies(Prof. Avv. Daniele Vicoli)Fonte: AODV231

Modelli 231 e sistemi di gestione ambientale ISO 14001

alert231

********** RESTA SEMPRE AGGIORNATO SULLE NOVITA’ DEL D.LGS 231/01 ****
Abbonati subito a www.alert231.it – per non perdere alcuna novità sul D.lgs 231/01 e disporre degli strumenti operativi, software, check list, modelli documentali, indispensabili per svolgere l’attività di ODV e consulente
Abbonati oggi con l’offerta in corso e i software in omaggio – Clicca qui

E’ disponibile in www.alert231.it la Guida Modelli 231 e sistemi di gestione ambientale ISO 14001 – Guida per l’applicazione nel settore gestione rifiuti.

La prescrizione del reato posto in essere dalla persona giuridica non determina l’esclusione della responsabilità 231 della società

Nessuna descrizione alternativa per questa immagine