Direttiva PIF e nuovi reati 231 – Pubblicata la check list per ODV e consulenti 231

Il Consiglio dei Ministri del 7 luglio ha approvato in esame definitivo il decreto legislativo di attuazione della Direttiva (UE) 2017/1371 relativa alla lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell’Unione mediante il diritto penale (Direttiva PIF).

Il provvedimento ha ampliato anche i reati presupposto del D.lgs 231/01 inserendo i seguenti nuovi:
_ IVA – dichiarazione infedele (art. 4 D.lgs 74/2000)
_ IVA – omessa dichiarazione (art. 5 D.lgs 74/2000)
_ IVA – indebita compensazione (art. 10 D.lgs 74/2000)
_ Frode in agricoltura (art 2. legge 898/1976)
_ Peculato (art 314 comma 1 cp)
_ Peculato mediante profitto errore altrui (art 316 cp)
_ Abuso d’ufficio (art 323 cp)
_ Frode pubbliche forniture (art.356 cp)
_ Reato di contrabbando DPR 43/1973

Questa check list è strutturata in un agile foglio elettronico  dove per ogni reato è indicato:
_ settore aziendale
_ misure di controllo e divieti da inserire nel sistema documentale 231 e da utilizzare nell’attività di controllo dell’Organismo di Vigilanza
_ consigli per la valutazione dei rischi necessaria

VAI ALLA SCHEDA PRODOTTO

Nuovi reati presupposto 231

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, il decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE) 2017/1371, relativa alla lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell’Unione mediante il diritto penale (c.d. Direttiva P.I.F.).

kit 231

Il provvedimento ha ampliato anche i reati presupposto del D.lgs 231/01 inserendo i seguenti nuovi:
_ IVA – dichiarazione infedele (art. 4 D.lgs 74/2000)
_ IVA – omessa dichiarazione (art. 5 D.lgs 74/2000)
_ IVA – indebita compensazione (art. 10 D.lgs 74/2000)
_ Frode in agricoltura (art 2. legge 898/1976)
_ Peculato (art 314 comma 1 cp)
_ Peculato mediante profitto errore altrui (art 316 cp)
_ Abuso d’ufficio (art 323 cp)
_ Frode pubbliche forniture (art.356 cp)
_ Reato di contrabbando DPR 43/1973

 

Categorie:Senza categoria

Modelli 231 – Nuovi reati tributari IVA – Aggiornato il software valutazione rischi reati tributari modelli 231

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, il decreto legislativo di attuazione della direttiva (UE) 2017/1371, relativa alla lotta contro la frode che lede gli interessi finanziari dell’Unione mediante il diritto penale (c.d. Direttiva P.I.F.).

Si amplia il catalogo dei reati tributari per i quali è considerata responsabile anche la società includendovi ora i delitti di dichiarazione infedele, di omessa dichiarazione e di indebita compensazione relativamente all’IVA.

KIT AGGIORNAMENTO REATI FISCALI
VERS. 3.0 AGGIORNAMENTO 8/7/2020

 

Pubblicato il software Autovalutazione Modelli 231

E’ disponibile il nuovo software Autovalutazione Modelli 231, per identificare aspetti sanzionabili dei modelli 231.

Accedi alla video demo dal seguente link

Pubblicato il software Ispezione Covid-19

E’ disponibile il nuovo software Ispezione Covid-19, lo strumento per individuare aspetti sanzionabili / non conformi, relativi alle misure anti Covid-19 applicate in azienda relativamente al D.P.C.M. del 26 aprile 2020
Il software simula la verifica effettuata dagli Organismi di controllo, mediante la valutazione della documentazione e dell’applicazione corretta del D.P.C.M. del 26 aprile 2020.

Il software grazie alla bancadati pre-caricata con 83 quesiti e relative misure correttive, consente in pochi secondi, rispondendo (SI/NO/NON APPLICABILE) ai quesiti proposti, di individuare gli aspetti sanzionabili e propone le misure correttive da applicare. Inoltre fornisce un report statistico sulle non conformità rilevate.

ACCEDI ALLA VIDEO DEMO DAL SEGUENTE LINK

Rischio 231 escluso se in regola con i protocolli

ODV e Privacy. Un interessante approfondimento

Il parere del Garante privacy del 12 maggio scorso, in tema di definizione della posizione dell’OdV ai fini della normativa sulla protezione dei dati personali, contiene alcuni passaggi di interesse, in parte non strettamente attinenti al tema per il quale il parere era stato richiesto.

A cura dell’Avvocato Maurizio Arena – Parere_Garante_Privacy_OVD_12_maggio_2020

Linee guida Asso231 Audit documentale conformità Covid-19

Sicurezza lavoro: al via il bando rimborso DPI utilizzati per Covid-19

Al via Impresa SIcura, il nuovo bando attivato da Invitalia che punta a sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese di qualunque dimensione, operanti in Italia.

Il bando consente di ottenere il rimborso delle spese sostenute dalle aziende per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale finalizzati al contenimento e il contrasto dell’emergenza epidemiologica COVID-19.

Sono 50 milioni di euro le risorse disponibili (fondi Inail, art 43.1 DL Cura Italia del 17 marzo 2020). 

Impresa SIcura rimborsa l’acquisto di: mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3; guanti in lattice, in vinile e in nitrile; dispositivi per protezione oculare; indumenti di protezione quali tute e/o camici; calzari e/o sovrascarpe; cuffie e/o copricapi; dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea; detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici.

L’importo massimo rimborsabile è di 500 euro per ciascun addetto dell’impresa richiedente e fino a 150mila euro per impresa.

Il bando di Invitalia prevede 3 fasi:

  1. Le imprese interessate dovranno inviare la prenotazione del rimborso dall’11 al 18 maggio 2020, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00. attraverso uno sportello informatico dedicato, raggiungibile dal sito di Invitalia.
  2. Sempre sul sito dell’agenzia, seguirà la pubblicazione dell’elenco, in ordine cronologico di arrivo, delle imprese ammesse alla presentazione della domanda di rimborso.
  3. La domanda potrà essere compilata dalle ore 10.00 del 26 maggio alle ore 17.00 dell’11 giugno 2020 sempre attraverso procedura informatica.

I rimborsi verranno effettuati entro il mese di giugno.

Per saperne di più

Nuovo documento: Gestione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 nell’emergenza sanitaria

Pubblicato in www.alert231.it nella sezione Documenti la Guida Gestione e controllo ex D.lgs 231/2001 nell’emergenza sanitaria – formato pdf – 12 pagine

Categorie:Alert 231, Covid-19